Condividi

Ciao.

Scrivere testi per un sito è un mestiere nuovo

Molto diverso da quello che faccio ogni giorno (io mi definisco facilitatore dell’apprendimento di individui, di gruppi o di aziende – ma per iniziare a  parlare come si mangia diciamo – per ora – che faccio il consulente-formatore).

Beh mi dirai … sempre di comunicazione si tratta.

Mmmm ti assicuro che c’è una bella differenza!

Quando faccio il mio “mestiere” abituale parlo solo dopo aver fatto tante domande, ascoltato, riassunto, riformulato. Posso capire chi ho di fronte come ragiona e come vede le cose prima di parlare.

Qua devo “parlare” e farmi capire prima di capire chi ho di fronte.

E … sto imparando ... a comunicare col sito a nuovi e diversi interlocutori ...:-)

E sto facendo la fatica che di norma si fa quando si impara qualcosa di nuovo, e si cambiano le abitudini.

Si perchè l’altra abitudine è raccontare chi siamo  e quello che facciamo a interlocutori “tecnici” (direttori del personale, responsabili selezione, formazione sviluppo, etc.) prima di fare ciò che facciamo  con i loro “clienti interni”: manager, venditori, impiegati, formatori aziendali, etc..

Ora si aggiungono nuovi interlocutori per Elleffegi®,  perchè dal 2013 ci rivolgiamo anche a:

  • neolaureati che vogliono integrare la formazione accademica con master pratici che facilitano ed accellerano il loro vantaggio competitivo nel mercato del lavoro
  • persone che vogliono imparare a svolgere il nostro mestiere o che già lo svolgono e vogliono migliorare come l o fanno
  • venditori, manager, capi progetto che appartengono ad aziende dove manca una funzione dedicata alla loro formazione e sviluppo e vogliono essere accompagnati da esperti nella loro crescita personale e professionale
  • liberi professionisti (avvocati, assicuratori, commercialisti, architetti, etc. che hanno clienti e collaboratori senza avere una struttura dedicata alla formazione)
  • imprenditori di PMI che vogliono fare crescere le loro aziende
  • persone che vogliono migliorare le loro relazioni: con se stessi, con le persone significative della loro vita, e con gli altri in generale

 


Una cosa che ho compreso: ognuno di noi usa un linguaggio in base alle proprie esperienze, modi di pensare e passioni

Infatti mi sono domandato da dove viene il mio modo di pensare e di scrivere e credo che sia condizionato dalle mie esperienze e passioni. Eccone alcune:

  • penso in termini di “competenze” da quando nel master che feci nel 1995 ci consigliarono il libro di Spencer e Spencer “Competenza nel lavoro” (la sintesi: più competenze ciai e più produci risultati); in sostanza il pensiero positivo di cui ci stanno parlando in tanti è necessario ma non sufficiente!
  • nel 97 ho lasciato una carriera manageriale in una banca italiana e sono emigrato a Londra per iniziare ad imparare questo mestiere: ho imparato l’inglese e poi ho  lavorato  selezione formazione e sviluppo Risorse Umane.
  • adoro Carl Rogers da quando lessi nel 1997  “Freedom to Learn” (libertà di apprendere) dove per la prima volta ho incontrato il concetto e il significato di “facilitare l’apprendimento” degli adulti al posto di “insegnare” o “formare”
  • Mi occupo di facilitazione dell’apprendimento da più di 15 anni e di relazione di aiuto da diverso tempo prima come operatore olistico e poi come counsellor olistico
  • Ho fondato un’azienda, Elleffegi® che ha nel baseline la frase “facilita l’apprendimento per la crescita”.
  • ho lavorato come cameriere ai tempi dell’università, per dare una mano nel ristorante di mio padre quando sono rientrato da Londra, e per dare una mano nel ristorante di amici nella fase di avvio: mi piace cucinare – oltre che mangiare – lo trovo un esercizio di sviluppo delle competenze molto utile e divertente
  • Ho lavorato come direttore commerciale e conduco corsi sul pensiero strategico e ragiono in termini di strategia e vantaggio competitivo
  • Appartengo ad un gruppo di consulenti internazionale in area leadership, strategia Risorse Umane e e sviluppo organizzativo.
  • Sono membro dell’HR Leadership Forum NSE con sede in USA, New England

I miei intenti: farti fare meno fatica possibile ma anche condividere contenuti che ritengo utili. Un sito che in certi casi è quasi un libro

1) La funzione di un sito, almeno di questo sito è quella di comunicare il valore che il Team di Elleffegi® può darti.

Per farlo è necessario comunicare in modo chiaro e semplice.

L’intento è quindi sicuramente di  comunicare in modo chiaro e semplice e farti fare meno fatica possibile (un po’ serve ma non di più di quella che serve).

Come dice il mitico Albert “tutto dovrebbe essere il più semplice possibile ma non più semplice di così”.

Facile a dirsi, difficile a farsi perché ho compreso che la semplicità non è nel fatto ma nella percezione del fatto.

Chi ha conosciuto in questi anni  Elleffegi® riconosce e apprezza la semplicità della nostra comunicazione.

Ma come detto sopra un conto è comunicare faccia a faccia e un conto in un sito.

2) Allo stesso tempo mi piacerebbe iniziare a creare valore oltre che  comunicarlo.

Per questo motivo ho inserito alcuni contenuti nelle pagine del sito o nel negozio (Elleffegi® Shop) come  articoli o  video che spero possano essere utili per facilitare ed accelerare il tuo apprendimento (sviluppare conoscenze e atteggiamenti più che altro visto che per le capacità serve allenamento costante e quotidiano nel mettere in pratica le conoscenze e gli atteggiamenti nuovi).

Spero che questi due intenti non entrino in conflitto e che la voglia di condividere informazioni e contenuti che ritengo utili non vada a scapito della semplicità.

Se ti va fammi sapere con una mail come la vedi.

  Alcune cose fatte per rendere chiara la comunicazione e limitare la tua fatica

  • ridurre al minimo l’utilizzo di parole in lingua inglese
  • spiegare il perché utilizziamo certe parole o espressioni a partire da “facilitare l’apprendimento”. Vedi in basso in questa pagina
  • mettere  definizioni: in certi casi   subito dopo la parola; in altre  nelle pagine delle  singole aree di intervento (Sviluppo Organizzativo – Formazione e dintorni)
  • creare sezioni del sito dedicate ad approfondimenti (sezioni del sito sezione articoli del menu Elleffegi® SHOP) che non è indispensabile leggere e sono dedicate a chi vuole approfondire le tematiche di volta in volta presentate.
  • Sulla base dei vostri feedback (punti di vista, suggerimenti e spunti) a settembre 2013 faremo uscire la nuova versione del sito con gli aggiustamenti del caso

 Alcune parole ed espressioni ricorrenti frutto delle esperienze modi di pensare e passioni

Facilitazione dell’apprendimento

Quando parlo della nostra missione e del nostro mestiere uso l’espressione “facilitare l’apprendimento”, anziché parlare di sviluppo o formazione o coaching etc.

Provo a indicare rapidamente i principali motivi:

la passione per Rogers e il metodo che usiamo in aula e nella consulenza ci fa ragionare e parlare in termini di facilitazione. Non  ”formiamo”,  non travasiamo saperi in scatole vuote a forza di slides ma lavoriamo con le persone per aiutarle e facilitarle – appunto – a fare il faticoso processo di apprendimento. Apprendere è faticoso perché comporta sostanzialmente disapprendere e cambiare, uscire dalla zona di confort.

La cultura anglosassone ragiona e pone l’enfasi sulla parola e sul concetto di  apprendimento (in alcune aziende si parla di “Learning Officer”-Responsabile dell’apprendimento). Perché hanno compreso quanto è importante l’apprendimento per il vantaggio competitivo delle aziende, e io aggiungo per il benessere delle persone che vi lavorano. Ho riscontrato in progetti concreti ed operativi di cui ero responsabile quanto questo sia vero e con convinzione sposo questo modo di pensare. E’ per questo motivo che in Elleffegi® usiamo a più non posso questa parola: apprendimento, perché è sempre più importante per il vantaggio competitivo.

Vantaggio competitivo

Anche l’utilizzo frequente di questa parola è frutto di un mix delle mie passioni esperienze e frequentazioni citate (Network the Canton Group e HR Leadership forum)  ed è diventato un modo di pensare e vedere le cose. L’apprendimento e il vantaggio competitivo sono legati da un nesso causa effetto forte e a mio avviso inconfutabile. Il vantaggio competitivo a mio avviso è la missione di fondo di ogni leader. Leader di aziende, leader di gruppi e leader di se stessi.

Cosa significa avere vantaggio competitivo? A mio avviso nella sua essenza significa essere in grado di creare un valore superiore che garantisce la  prosperità (dell’azienda, gruppo, persona).

Mi potresti chiedere ma cosa centra il vantaggio competitivo con la persona? E’ “roba” di azienda.

Ti risponderei: è vero il concetto di vantaggio competitivo nasce nel mondo del “business” e non della crescita individuale.

Ma a mio avviso così come se una azienda che ha vantaggio competitivo rispetto ad un’altra può chiedere un “premium price” (premio di prezzo) come dice Porter (“Il Vantaggio Competitivo”) o la preferenza a parità di prezzo, una persona che ha vantaggio competitivo non riceverà un prezzo ma un “apprezzamento” maggiore di altri.

Per cui una persona leader di se stessa ricerca il vantaggio competitivo non perché compete con altri ma perché vuole creare un valore superiore ed essere apprezzata.

E da dove deriva il vantaggio competitivo e la prosperità e apprezzamento che comporta? Dall’apprendimento ;-)

Per cui diviene molto importante conoscere ed accelerare il processo di apprendimento perché porta alla crescita:

Elleffegi® facilita l’apprendimento per la crescita del vantaggio competitivo del benessere delle persone, dei gruppi delle aziende.

Processo

Anche qui la cultura anglosassone ha “deformato” il modo di pensare e il mestiere (faciltazione in aula e nella consulenza) ha consolidato questo tratto culturale di Elleffegi® in modo radicale.

Noi pensiamo per processi. L’apprendimento è un processo, la leadership è un processo, la vendita, etc.  … tutto è un processo.

Questo modo di pensare ci aiuta nel nostro lavoro perché conoscere un processo aiuta a migliorarlo e produrre i risultati che si vogliono produrre.

Pensa al “cucinare”: cucinare è un processo cioè una sequenza di fasi ed azioni che portano ad un risultato finale. Se conosci le fasi e le gestisci al meglio (hai le competenze) aumenti la qualità del risultato finale facendo meno fatica, spendendo meno soldi.

Siccome tutto è un processo a volte prendiamo processi semplici come quelli del cucinare per parlare del funzionamento di altri processi più complessi. Ecco perché troverete metafore culinarie: aver lavorato nei ristoranti in passato mi ha fatto apprezzare l’utilità della metafora culinaria per fare passare concetti in modo semplice.

Una metafora che uso spesso è quella degli ingredienti. Per fare una buona torta servono certi ingredienti. Se ci sono tutti e quelli che ci sono hanno la qualità necessaria il risultato finale è molto buono.

L’ultimo ingrediente che si aggiunge in Elleffegi® per facilitare e accelerare l’apprendimento per la crescita è la crescita personale.

Crescita Personale

Quando parlo di crescita individuale intendo che la persona sta imparando e accrescendo le sue competenze a livello inviduale con un corso, coaching individuale, libro etc. (in contrapposizione a appredimento nel team o nell’azienda)

Quando parlo di crescita personale intendo in particolare la crescita della persona dentro di se: intra-personale.

Il percorso fatto a livello personale mi ha fatto comprendere quanto un approccio olistico sia importante per la crescita e lo sviluppo delle competenze e del  ”vantaggio competitivo” di una persona.

Ecco allora che Elleffegi® allarga la propria offerta e le parole che utilizza vanno dall’ambito più aziendale a quello più intra-personale. Troverete allora meditazioni, il corso Prestazione e Integrità e altri strumenti per la crescita interiore, tutti – ovviamente – …. in salsa Elleffegi®. Metafora culinaria per dire che lo strumento di turno (meditazione, processo intensivo,  etc.) viene elaborato secondo l’approccio metodologico degli altri strumenti di facilitazione dell’apprendimento.

 

  E per chiudere Un avviso ai naviga … tori e avventori

Come accennavo sopra per certi versi questo sito ha le caratteristiche di un libro. Ha tante pagine, forse troppe per qualcuno.

Uso spesso, quando parlo e scrivo metafore culinarie: il sito è pieno di pagine ed è ricco di contenuti, spero che tu li possa gustare e non faccia indigestione ;-) .

Fallo pian piano in base alla tua fame di informazioni e alla tua capacità digestiva, altrimenti come dopo ogni scorpacciata ti verrà il mal di pancia e di testa :-( .

Ci sono diversi livelli di informazioni: ti consiglio di  partire dalle panoramiche e approfondire pian piano le parti che sono più vicine ai tuoi interessi.

E non dimenticare di passare dall’Elleffegi® Shop. Ci sono – oltre ai prodotti da acquistare – anche risorse gratuite e altre informazioni su cosa facciamo e come.

Un ultimissima indicazione: se deciderai di registrarti potrai poi arricchire le informazioni su di te e sui tuoi interessi nella sezione “completa profilo”.  Questo ci … faciliterà:

  • a farti avere  avere promozioni mirate
  • ad apprendere e capire meglio a livello aggregato chi è e a cosa è interessato il pubblico di Elleffegi®
  • a selezionare quali contenuti  proporre in futuro nelle nostre newsletter
  • a selezionare quali prodotti proporre nel nostro negozio al fine di dare al nostro pubblico ne di più ne di meno di quello che gli serve.

 Buona continuazione

Mirco Bosi

Managing Partner (Amministratore)

Elleffegi® Consulting

I commenti sono chiusi.